Il compostaggio è un’attività straordinaria che ti permette di trasformare gli scarti della cucina e del giardino in una preziosissima risorsa, infatti il nutrimento che si genera da questo procedimento permetterà alle tue piante di ricevere tutte le sostanze di cui hanno bisogno. E’ una pratica economica ed altamente ecologica ma soprattutto semplice.

Il compost se ben gestito non genererà alcun odore.

Cosa potete compostare?

Potete compostare tutti gli scarti vegetali della cucina e del giardino: scarti di frutta e verdura, pane vecchio e avanzi di pasta, gusci d’uovo (ricchi di calcio fanno molto bene alle piante!), fondi di caffè (ricchi di azoto), cenere di legna, resti di piante e foglie e carta.

In questo vero e proprio processo chimico, gli elementi chiave che permettono agli organismi microscopici (funghi e batteri) di “lavorare” sono: carbonio e azoto. Il carbonio è presente nei materiali secchi e legnosi mentre l’azoto è nelle verdure.

L’equilibrio tra questi elementi con il giusto apporto di umidità ed ossigeno permette la vita ai microrganismi decompositori e un compostaggio perfettamente bilanciato e privo di cattivi odori.

Importante è anche la temperatura, infatti il troppo freddo rallenta il processo.

 La Nostra compostiera

Potaposter è il sistema perfetto per il compostaggio di materiale organico. La sua struttura formata da traversi e dime in policarbonato rigenerato, infatti, consente una ventilazione interna in grado di facilitare il processo di decomposizione dei rifiuti.

Potaposter è pensato per ottimizzare le tue attività di giardinaggio e permetterti creare il compost e il terriccio ideali per la coltivazione di ortaggi.

Il bio composter è costruito con lastre e profili in policarbonato da 16mm, è quindi molto resistente alle intemperie e alle ossidazioni.

Il sistema ad incastro delle pareti del composter lo rende semplicissimo da montare e smontare.

Come creare il compostaggio

Inizialmente è importante inserire uno strato di 5-6cm di compost già pronto per assicurare una presenza iniziale di microrganismi decompositori oppure attivatori per il compostaggio.

Ogni 10 giorni va mischiato il tutto per meglio ossigenare e dopo circa 4 mesi la decomposizione è completa.

 

 

 

 

 

Recommended Posts